Operativo il nuovo limite di 25 mila euro per le aziende agricole.

Il 22 Giugno è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale, il Decreto che ha portato a 25 mila euro l’importo totale massimo degli aiuti ottenuti da una impresa agricola.

Il regime “de minimis” è una regola definita dall’Unione Europea che riguarda gli aiuti di piccola e media entità che possono essere concessi alle imprese, che ne fanno richiesta, senza violare le norme sulla concorrenza.

Il riferimento normativo è il Regolamento UE 1407/2013.

Nel Febbraio 2019 l’Unione Europea ha portato da 15 mila euro a 20 mila il massimale dell’aiuto erogabile ad un’azienda, nell’arco di un triennio. Per consentire l’adozione dell’importo massimo di 25mila euro, come previsto dal Regolamento Ue, occorreva dare operatività concreta al “Registro degli aiuti.”

Ora con l’entrata in vigore del decreto si arriva, dunque, al limite massimo di 25mila euro in tre anni.

Il regolamento stabilisce l’obbligo, nel caso in cui si opti per il massimale più elevato, di creare registri centrali a livello nazionale idonei a tracciare gli aiuti concessi al fine di semplificare e di migliorare l’erogazione ed il monitoraggio di tali aiuti.

«Sebbene si tratti di un importante passo in avanti – dichiara il Sottosegretario alle Politiche Agricole, Giuseppe L’Abbate – parliamo comunque di un importo modesto se paragonato a quello delle imprese non agricole che possono contare su un de minimis a 200mila euro, in situazione standard no-Covid19.”

Il regime de minimis si può applicare anche ai finanziamenti pubblici dedicati alla formazione continua nelle imprese. Rimane pertanto l’unico canale per finanziare la formazione obbligatoria, come i vari corsi previsti per la sicurezza sul luogo di lavoro, quelli relativi all’ottenimento dei vari patentini definiti dalle norme compreso quello per l’utilizzo dei fitofarmaci, ecc.

Lo Staff di PROMOTERGROUP S.P.A. è a disposizione per tutti gli approfondimenti necessari. Potete contattarci allo 0932/862613 per concordare un appuntamento.