Giovedì, 29 Luglio 2021 08:27

EMPLOYEE BRANDING: ALESSANDRA SMERDELL

 

 

EMPLOYEE BRANDING: ALESSANDRA SMERDELL

 

Empatia, curiosità, tenacia e simpatia sono i tratti caratteristici di Alessandra Smerdell, Responsabile Tesoreria e Fatturazione Area Amministrazione. Il suo punto di forza è quello di non arrendersi mai e cercare sempre di affrontare ogni situazione con il sorriso.

Conosciamo meglio Alessandra

Alessandra arriva in Promotergroup S.p.A. nel febbraio del 2014. Spinta dalla voglia di iscriversi ad un corso di formazione scopre che l’azienda era in cerca di personale e decide di candidarsi; pochi giorni dopo viene convocata per effettuare un colloquio con il Presidente Gianni Polizzi e da lì inizia la sua nuova avventura.

La più grande passione di Alessandra è suo figlio. Ama la musica, il mare, i viaggi, le passeggiate, i pranzi in famiglia e le cene con gli amici. Quando può legge e rivede i film anche mille volte perché non ricorda mai il finale. Quando non vince la pigrizia, si dedica un po' anche al fitness.

Raccontaci un aneddoto, una vicenda in particolare, in merito al tuo legame con Promotergroup

“Al mio arrivo, ero un po' spaventata da questo mondo inesplorato, un lavoro completamente nuovo. Mi sentivo una pulce, ma i miei fantastici colleghi mi hanno subito fatto sentire parte del gruppo. Gianni Polizzi chiedeva spesso ai miei colleghi di stanza «Ma sta ragazza respira?» e per togliersi ogni dubbio, ma soprattutto per mettermi alla prova, mi affidava dei lavori impossibili da svolgere nel minor tempo possibile. Un grande Leader, ma soprattutto un grande motivatore.

La persona che più mi intimoriva, però, era la mia Responsabile di Area: Serena Morando, una ragazzina con la risposta sempre pronta e allo stesso tempo una Manager con la soluzione sempre in tasca. Era pure quella che, fra tutti, mi stava più sulle scatole. Oggi siamo una squadra, l'una al fianco dell'altra, condividiamo gioie e dolori e soprattutto la stessa passione che mettiamo nel portare avanti il nome di Promotergroup S.p.A. A Gianni e Serena devo tantissimo. Loro sono le due colonne portanti di questa azienda, i miei più grandi mentori, credono in me, c'è stima reciproca e soprattutto fiducia".

Come vedi il tuo rapporto con l’azienda?

Per Alessandra Promotergroup S.p.A. è come una seconda casa. Tante persone sotto lo stesso tetto che hanno imparato a conoscersi, accettarsi e volersi bene, e che lavorano insieme per un obiettivo comune. Promotergroup S.p.A. le ha permesso di crescere, maturare e allargare i suoi orizzonti e per questo anche Alessandra ogni giorno si impegna a trasmettere agli altri e a dare il suo contributo all’interno dell’azienda. Vive il suo lavoro come un gioco, non si annoia mai, ma lo svolge con serietà e dedizione. Si sente al sicuro, ma soprattutto realizzata e gratificata.

Quali sono i tuoi sogni/obiettivi futuri?

“Mi auguro di avere sempre nuovi obiettivi e di non fermarmi mai una volta raggiunti”.

Cambiamento

Cambiamento per Alessandra è sinonimo di sfida e Promotergroup S.p.A. è ogni giorno UN'INFINITA E CONTINUA SFIDA. Lo scorso anno ad Alessandra è stato assegnato il premio "CAMBIAMENTO". Quando è arrivata in azienda era poco più che una ragazzina e anche se già inserita nel mondo lavorativo da molto tempo non aveva mai lavorato in team e in particolare con professionisti del calibro di Promotergroup. Alessandra si è interfacciata con tantissime persone e aziende di ogni settore. Nel corso degli anni ha vissuto innumerevoli cambiamenti aziendali: nuove procedure, nuovi clienti e anche nuovi colleghi. Tutto questo l’ha portata ad avere una maggiore consapevolezza di se stessa, dei suoi limiti e degli obiettivi che può raggiungere, rafforzando aspetti come la curiosità, la capacità di adattamento, ma soprattutto la voglia di imparare, andare sempre avanti e arrivare sempre più in alto.

Ci racconti il progetto più sfidante a cui hai partecipato?

“Nei primi anni alla Promotergroup S.p.A., avevo avuto a che fare solo con carte e numeri. I contatti con l'esterno erano limitati e comunque sempre comodamente gestiti dalla mia postazione in ufficio. Nel momento in cui ho accettato la proposta di passare all'area Formazione Fondi Interprofessionali per il coordinamento dei progetti formativi, per me è iniziata una nuova vita. Ho iniziato a viaggiare, uscendo dalla mia comfort zone, ho visitato tantissime aziende sparse in tutta Italia, ho avuto contatti con enti pubblici e privati e con imprenditori e professionisti di ogni calibro. Non sempre è stato facile, ho incontrato non poche difficoltà, ma tutti gli sforzi sono serviti per raggiungere l'obiettivo principale: portare ogni singolo progetto alla completa realizzazione.

Ma la sfida più grande è stata il mio ritorno alle origini: il rientro in Amministrazione, di nuovo sommersa da carte e numeri, ma con un ruolo completamente diverso, insieme alle mie splendide compagne di viaggio”.

 

Letto 887 volte Ultima modifica il Giovedì, 29 Luglio 2021 08:38