Giovedì, 06 Maggio 2021 08:19

EMPLOYEE BRANDING: ILENIA DIGRANDI

EMPLOYEE BRANDING: ILENIA DIGRANDI

 

Partiamo da Ilenia Digrandi, responsabile Front-Office e Segreteria Tecnica.

Cortesia, disponibilità ed empatia sono i tratti caratteristici di Ilenia che con la sua gentilezza e solarità accoglie i clienti. Rappresenta il primo contatto con il cliente, il volto e la voce che si cela dietro la reception, la mail istituzionale e il telefono e che riesce a gestire tutto con attenzione e velocità.

Conosciamo meglio Ilenia

Ilenia è arrivata in Promotergroup S.p.A. nell’aprile del 2017 come assistente del Presidente e responsabile della Segreteria Tecnica. Si occupa di gestire il programma di appuntamenti e pianificare l’agenda del Presidente oltre che dell’accoglienza, fungendo da interfaccia verso il cliente e creando la prima impressione sull’immagine aziendale. Avendo la responsabilità dell’impatto diretto con il cliente, occupandosi delle richieste che formula, predispone tutto il necessario per la sua soddisfazione e fidelizzazione. Ilenia rappresenta all’interno dell’azienda anche un supporto al team per tutte le attività, sia interne che esterne e le relazioni con il pubblico, che si svolgono in azienda. Riveste un ruolo che richiede notevoli capacità organizzative e precisione per coordinare le numerose attività di front office e back office valutando e gestendo le priorità e le esigenze espresse dai superiori e dai colleghi.

Come Referente acquisti, Ilenia controlla, coordina e gestisce il processo di approvvigionamento dei beni e servizi necessari per il buon funzionamento dell’azienda, catalogazione di fatture e di alcune transazioni economiche aziendali.

Ilenia si reputa una persona attenta, puntuale, affidabile, gentile, empatica e disponibile, aspetti fondamentali nel rapporto con i superiori, con i colleghi e, infine, con il cliente. La capacità di essere multitasking le permette di gestire tutto con attenzione e velocità: trasferire tempestivamente alla persona giusta le informazioni recepite e indirizzare la richiesta della clientela in maniera appropriata aiuta a rendere più veloci i processi interni. Ciò che ha imparato nel corso della sua esperienza in Promotergroup S.p.A. è che bisogna accogliere le persone e le loro richieste con la giusta attenzione e discrezione.

La passione di Ilenia è passeggiare e organizzare cene con gli amici e, inoltre, le piace molto guardare film e serie tv.

Raccontaci un aneddoto, una vicenda in particolare, in merito al tuo legame con Promotergroup

 “Il ricordo più bello che porterò sempre con me, è stato il mio primo colloquio fatto con Gianni Polizzi, lavoravo a Roma e sono riuscita a incontrarlo in Viale dei Parioli mentre si affrettava ad andare in aeroporto per prendere un aereo. In pochi minuti con tutta la sua passione e euforia mi ha parlato di Promotergroup, ed è riuscito a farmi prendere una delle decisioni più importanti della mia vita, lasciare la città eterna e tornare in Sicilia per iniziare la nuova avventura. Ricordo ancora che sono bastate poche frasi ma importanti che mi hanno fatto capire quali erano i principi, gli ideali e gli obiettivi, parole portatrici di entusiasmo e voglia di fare che hanno raccontato (proprio come una bella storia da vivere) i passi necessari che mi avrebbero poi portato a far parte del team. Perché raccontare significa saper coinvolgere ed è stato il miglior modo per farmi sentire già membro della squadra e accettare la sfida: “GAME, SET AND MATCH”.

Come vedi il tuo rapporto con l’azienda?

“Con Promotergroup vivi un grado di identificazione valoriale che non è presente in altre aziende, si lavora in una realtà in cui il valore dell'impresa è interpretato come bene ad utilità pubblica e dove vige rispetto per ogni singola persona, indipendentemente dal ruolo che si copre. L’esistenza di rapporti veri basati sulla fiducia, tra responsabili e collaboratori, non fa altro che produrre conseguenze positive per la produttività del lavoro: la meritocrazia porta a valorizzare chi dimostra di ottenere risultati positivi. Sono però richiesti anche sforzi necessari per far fronte a emergenze produttive, commerciali o di altro tipo; in maniera naturale, si è motivati a “dare sempre il meglio di sé".
L’azienda investe costantemente sulla capacità di motivarti e di farti sentire soddisfatta a pieno del proprio ruolo, perché è importante recarsi a lavoro con la consapevolezza di non dover compiere un'attività in maniera meccanica, ma con l'entusiasmo e la curiosità di affrontare le situazioni come una sfida quotidiana reciproca. Promotergroup non preclude alcuna strada, alcuna occasione, alcuna svolta perché le possibilità a nostra disposizione sono molto più numerose di quanto siamo portati a credere, di quanto ci hanno insegnato a sperare. Con Promotergroup lavoro per diventare un buon punto di riferimento senza deludere chi mi ha dato tanto. Lavoro in un clima sereno e collaborativo, che consente di dare apporto alla crescita aziendale e allo sviluppo di nuovi obiettivi, assumendomi responsabilità. L'insegnamento che scaturisce da questo contesto strategico-organizzativo promuove autodisciplina e autocontrollo. Capita così che ci si trovi a condividere il viaggio: ognuno con il suo personale contributo che rende il percorso, unico. Così come la vita.”

Quali sono i tuoi sogni/obiettivi futuri?

“Il mio sogno è essere felice!
Un sincero indicatore dell’intelligenza è una vita efficiente, felice, vivendo ogni minuto di ciascun giorno. Se sei felice, se vivi ogni momento per tutto ciò per cui vale la pena, sei una persona intelligente: basta una giusta miscela di impegno, pensiero lucido, buon umore e fiducia in se stessi.
La capacità di risolvere un problema in Promotergroup porta ad accrescere la mia felicità; nel caso in cui capiti di non riuscire a risolverlo, non mi faccio abbattere dalla situazione ma affronto le difficoltà con il giusto approccio. Voglio essere felice e sempre più motivata dal desiderio di crescere e migliorare e per fare questo mi occorre una maggiore padronanza di me stessa, che vuol dire decidere la propria sorte, senza adattarti al mondo circostante, ma scegliendo quello che il (tuo) mondo deve essere per te.
Il mio obiettivo è: non aver paura di andare lontano. Sono nata non per rimanere immobile in un luogo, ma per muovermi e per stancarmi, per fermarmi solo per ripartire. Voglio diventare una persona libera da timori inutili, fare volentieri ogni cosa e non sciupare tempo a rammaricarsi o a desiderare che le cose fossero andate diversamente: vivere adesso, non nel passato o nel futuro.
Impiegare il tempo in Promotergroup per realizzami al massimo, libera dalle “zone erronee” che generano solo comportamenti autodistruttivi. Smettere oggi di rimandare a domani, vincere tutte le resistenze che si oppongono alla felicità ed essere sempre apprezzata per uno spirito collaborativo e propositivo. Lavoro per diventare una persona migliore con tanti desideri che mi insegnano l’arte antica della pazienza e della tenacia e del silenzio e della fatica; quelli a cui forse è data la possibilità di renderci vivi. E questo coraggio lo si deve tirare fuori, OGGI!”.

Cambiamento

Per Ilenia il cambiamento non può che essere crescita. È la forza di uscire dalla comfort zone senza avere il timore di andare oltre a ciò che è conosciuto e familiare, la capacità di non scendere a compromessi né con se stessi né con gli altri, raggiungendo la migliore versione di sé. La vita di Ilenia è stata da sempre costellata dal cambiamento, sia positivo che negativo, e solo considerandolo come opportunità di miglioramento è riuscita ad andare avanti.

Promotergroup ha insegnato ad Ilenia a riconoscere le cose che contano, quelle che sono in grado di metterti davanti agli occhi la strada che hai fatto e che stai facendo, quelle in grado di diventare simbolo dell'esuberanza, della forza, della tenacia e della perseveranza che su questo percorso ci muovono.

“Posso dire per certo con un filo di presunzione che a questa azienda non posso che essere grata e la gratitudine si riconosce solo crescendo, imparando a esercitarla come atto di coraggio per tutto quello che ho, impegnata come sono a desiderare sempre di più; come atto di fede nei confronti della fortuna sfacciata di cui è intriso il mio quotidiano; come segno di umanità oltre che di intelligenza perché mi piace pensare che siamo meglio di ciò che ci è dato credere. Grazie alla mia azienda ho valutato il rischio come fattore di cambiamento e imparato ad essere meno conservativa e prudente per vivere più esperienze nuove possibili; a dedicare più tempo nel decidere cosa fare e cosa non fare, ignorando quelle scorciatoie mentali su cui si basano le abitudini, che ti tolgono l'abilità di pensare e ti fanno solo agire di istinto.” – Ilenia Digrandi.

Letto 920 volte
Altro in questa categoria: EMPLOYEE BRANDING: DANILO DIQUATTRO »