Giovedì, 16 Settembre 2021 13:40

EMPLOYEE BRANDING: GIUSY DI STABILE

 

EMPLOYEE BRANDING: GIUSY DI STABILE

Pragmatismo e determinazione accompagnati da empatia e imperturbabilità, come la definisce qualcuno in maniera bonaria, sono i tratti caratteristici di Giusy Di Stabile, Controller di gestione Area Amministrazione.

Giusy è una persona che vive la propria vita perseguendo e combattendo per il raggiungimento degli obiettivi, nel rispetto delle persone e delle cose che la circondano. La sua principale passione è la figlia e la famiglia. Il tempo libero che le rimane lo dedica alla lettura di romanzi storici o fantasy oppure, quando trova le condizioni ottimali, si rilassa con un “hobby d’altri tempi”, come lo definisce lei, ovvero lavorare ai ferri.

Conosciamo meglio Giusy

Giusy arriva in Promotergroup S.p.A. a fine ottobre 2019. Trasferita da circa un mese a Vittoria e su suggerimento di amici e allettata dalla descrizione di una realtà lavorativa giovane, vivace e attiva, decide di inviare il suo curriculum. “Mi ha stupito positivamente la tempestività con cui è stata valutata la mia candidatura: a due ore dall'invio del CV mi hanno chiamata per fissare il colloquio e a due giorni dal colloquio ho fatto il mio ingresso in Promotergroup con tanto di "wow!".

Raccontaci un aneddoto, una vicenda in particolare, in merito al tuo legame con Promotergroup

“Il primo obiettivo assegnatomi era molto ambizioso non per l'obiettivo in sé quanto per il tempo risicato a mia disposizione (un mese e una manciata di giorni) e riguardava la raccolta delle informazioni e la valutazione della performance del settore consulenza entro il primo evento aziendale. Ho raggiunto l'obiettivo nei tempi fissati. Al primo evento aziendale a cui prendevo parte, mentre mi godevo il primo momento di relax dopo giorni di duro lavoro, il Presidente mi comunica che da lì a pochi minuti avrei dovuto spiegare, alla platea di sconosciuti che avevo davanti, i risultati ottenuti. Panico! Così ho capito che la vita in Promotergroup sarebbe stata ricca di sorprese e mi sono sentita molto solidale a Forrest Gump”.

Come vedi il tuo rapporto con l’azienda?

Giusy paragona il rapporto con Promotergroup S.p.A. a una relazione d'amore: obiettivi comuni, affinità e difficoltà quotidiane da risolvere insieme. Data la breve esperienza all’interno dell’azienda, sintetizza questo rapporto con un "ci stiamo conoscendo" aggiungendo che le premesse sono buone perché la realtà aziendale è dinamica e stimolante e circondata da persone belle e capaci.

Quali sono i tuoi sogni/obiettivi futuri?

“Come qualsiasi essere umano che si rispetti, il mio obiettivo è la ricerca costante della realizzazione a 360° sia dal punto di vista professionale che privato. Infatti, sono sempre alla ricerca dell'equilibrio perfetto tra queste due sfere cercando di dare il giusto spazio a entrambi”.

Cambiamento

Il cambiamento per Giusy è un concetto relativo e lo distingue in cambiamenti "soft" che sono più vicini a un concetto di adattamento e in cambiamenti radicali che riescono a stravolgere l'esistenza: “metti un punto e volta pagina, capitolo e talvolta libro”.

“Come accennato sopra, il cambiamento più importante nella mia vita è stato il ritorno in Sicilia dopo 16 anni. Scelta molto difficile maturata in seguito al verificarsi eventi personali e familiari nonché molto sofferta perché ho lasciato amici e colleghi a cui ero molto legata”.

Promotergroup S.p.A. ha, quindi, rappresentato per lei il cambiamento che ha alleviato la nostalgia e la tristezza di quello precedente facendole apprezzare e pregustare ciò che poteva ancora essere.

Ci racconti il progetto più sfidante a cui hai partecipato?

“Fin dal colloquio con il Presidente Gianni Polizzi e Serena Morando, ho avuto l'impressione che ogni giorno sarebbe stata una sfida e per fortuna a me le sfide piacciono. L'impressione non è stata mai delusa ma per raccontarvi il progetto più sfidante avrei bisogno di raccontarvi quasi due anni di vita in Promotergroup”.

 

Letto 752 volte Ultima modifica il Giovedì, 16 Settembre 2021 13:46